La comunicazione tramite e-mail convenzionale rimarrà probabilmente un ingrediente chiave della vita lavorativa moderna.

Giorni prima che Slack fosse quotato al NYSE, il cofondatore e CEO di Slack Stewart Butterfield ha condiviso le sue convinzioni sul futuro dell’email in un’intervista alla CNBC. Egli ha dichiarato: “Nei prossimi anni, sicuramente nei prossimi 5-7 anni. . . le e-mail convenzionali verranno eliminate “, e ha spiegato che le aziende inizieranno a dare la priorità ai metodi di messaggistica in cui i dipendenti possono collaborare e indirizzare i messaggi a vicenda, invece di inviare e-mail avanti e indietro.

Questo è il grande storytelling che la società ha usato sin dall’inizio come “missione guida”. E per un’azienda del valore di $ 13,77 miliardi, ha senso: un’applicazione di messaggistica agile e di facile utilizzo che scalza la posta elettronica, il vecchio colosso che esiste sin dagli albori di Internet.

Ma racconta solo un lato della storia.

Oggi Slack serve oltre 10 milioni di utenti giornalieri e oltre 95.000 clienti aziendali paganti. Significa che 10 milioni di persone non usano più la posta elettronica? È più probabile affermare, semmai, che Slack ha aperto le porte a nuovi tipi di connettività e svolge una vasta gamma di funzioni all’interno di un’organizzazione.

Ecco i tre più importanti esempi di come Slack ha contribuito ad accelerare i flussi di lavoro dei dipendenti, ma non scalzerà totalmente l’utilizzo della posta elettronica.

 

I processi del flusso di lavoro devono essere regolabili in base alla circostanza

Una comunicazione efficace deve sempre avvenire nel contesto appropriato.

Ad esempio, se Slack è il tuo principale metodo interno di comunicazione asincrona, significa che è lo stesso mezzo utilizzato dal tuo team di vendita per chattare con potenziali clienti? Probabilmente no. È il mezzo utilizzato dal team di sviluppo per tenere traccia dei ticket di supporto? Può darsi.

Siamo ufficialmente entrati in un’epoca in cui la relazione che la tua organizzazione intrattiene con un cliente nel suo insieme non può più essere condotta in modo isolato o vivere in singole caselle di posta. Per definizione, ciò significa che l’e-mail è tutt’altro che la scelta ideale per molte funzioni aziendali interne: messaggistica in tempo reale, monitoraggio delle conversazioni, gestione dei progetti, ecc.

Ma è anche molto lontano dall’essere “morta” del tutto. Servizi di posta elettronica hanno esigenze diverse rispetto a quelle che Slack ha lavorato così duramente per migliorare e non sarebbe possibile condurre una relazione efficace (internamente o esternamente) utilizzando esclusivamente l’uno o l’altro, specialmente quando si gestiscono team di 10 o 20 persone.

La verità è che le aziende hanno bisogno di entrambi.

 

La comunicazione nello spazio delle imprese sta cambiando

Non è raro che le grandi organizzazioni (500 o più persone) ricevano 200-300 email al giorno a persona. Questa è una delle maggiori opportunità di Slack come azienda ed è la radice della sua base di clienti paganti. Dove Slack prospera sta nel modo di catturare e tenere traccia di più delle discussioni in tempo reale che si svolgono in un panorama digitale.

Con ogni passo avanti compiuto dalla tecnologia, abbiamo continuato ad allontanarci da un mondo segmentato di comunicazione, e quindi l’obiettivo (per tutti) è quello di far lavorare insieme tutte le forme di messaggistica: i tuoi documenti, la tua e-mail, il tuo Zendesk conversazioni, tutto in un unico posto.

 

Le imprese stanno diventando sempre più distribuite

Man mano che il lavoro distribuito è diventato più popolare, sempre più persone guardano a piattaforme come Slack per comunicare. Sono proprio le aziende che coltivano il giusto equilibrio tra comunicazione sincrona e asincrona quelle più altamente produttive. Prodotti come Zoom, Trello, Mattermost e Teams hanno portato a un’efficace distribuzione di persone e team in tutto il mondo, consentendo loro di lavorare verso obiettivi comuni indipendentemente dai fusi orari.

L’automazione, il flusso di lavoro, la comunicazione e la collaborazione sono oggi alcuni dei pilastri delle nostre imprese e lo saranno per gli anni

Comments are closed.